Sloggi alla ricerca della modella che ha perduto la sua fotocamera

Interessante e un po’ controversa campagna di buzz marketing di Sloggi, brand di biancheria intima. Per il lancio della loro nuova collezione, quelli di Sloggi avevano scelto un target più giovane della media dei suoi clienti – dai 17 ai 25 anni – ma volevano una modalità diversa dal banale e noioso catalogo. Così hanno deciso di creare un po’ di buzz su Facebook e in un modo molto ingegnoso.

Hanno aperto una pagina Facebook in cui si affermava di aver trovato una macchina fotografica presso l’aeroporto principale di Israele e che si voleva restituirla al suo proprietario. Così sono state postate alcune delle foto contenute all’interno della fotocamera ed è stato chiesto alle persone se riconoscevano qualcuno in quelle immagini, in modo da poter aiutare a rintracciare il proprietario. Un valido incentivo per questa “opera buona” era sicuramente il fatto che, guarda caso, tutte le ragazze sulle foto erano delle belle e giovani modelle che indossano biancheria intima Sloggi – e a volte solo la mutandina! – e che chi fosse riuscito nell’impresa magari avrebbe potuto ricevere una “ricompensa” da una delle modelle.

Una campagna destinata a far discutere, ma anche molto smart, che ha sfruttato le potenzialità dei social network per creare un bel po’ di buzz intorno al brand e alla sua nuova collezione.

Fonte: Ads of the world

Questa voce è stata pubblicata in Unconventional Marketing e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...