The tideline project

Surfando su e giù per la Rete, mi sono imbattuto in un video viral di un po’ di mesi fa. Faceva parte di una campagna di street marketing creata nel 2010 dall’agenzia Spring per la David Suzuki Foundation, una fondazione che si occupa di tematiche relative ai cambiamenti climatici, denominata “The Tideline Project”. Questa campagna aveva come obiettivo quello di sensibilizzare le persone riguardo i rischi che il surriscaldamento globale può provocare, in particolare focalizzandosi sullo scioglimento dei ghiacci polari e sulle conseguenti possibili inondazioni.

Così il Direttore Creativo di Spring ha pensato di creare, con l’aiuto dei volontari della Suzuki Foundation, delle tidelines (letteralmente, linee di marea), riciclando migliaia di cozze dai ristoranti di Vancouver (Canada) e incollandole insieme ad altre conchiglie marine su dei teli, per ricreare l’effetto bassa marea. Il tutto poi è stato fissato su alberi, lampioni, pali della luce e semafori del centro città, per mostrare fattivamente una possibile conseguenza del riscaldamento globale. Infine hanno attaccato dei cartelli con su scritto: “Il riscaldamento globale è più vicino di quanto si pensi“.

Un’idea sicuramente creativa, originale e d’impatto visivo, ma sorge qualche dubbio sulla sua reale efficacia a livello comunicativo e soprattutto di sensibilizzazione al tema.
Come si nota dal video, la reazione del pubblico è a volte confusa, quasi sempre divertita, come se si trattasse di uno spettacolino di strada. C’è anche chi scatta foto alle strane creazioni. Ma resta il fatto – e le interviste ad inizio video lo dimostrano – che c’è una scarsissima informazione sul tema. Forse sarebbe stato più utile, una volta catturata l’attenzione dei passanti, aggiungerci le spiegazioni di qualche volontario, essere insomma più diretti al fine di ottenere una maggiore sensibilizzazione.

Resta ad ogni modo un’iniziativa degna di nota, che può farci comunque riflettere su un problema serio e quantomai attuale.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Unconventional Marketing e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...